2015, DECEMBER 30.

horneds, poofs, whores – shit

as to say “dalle Stelle alle Stalle” ,
or “from the Fixed (stars) to the Stable”

Ovvero, delle notazioni.

Le bad-words sono rigorosamente scritte in caratteri minuscoli.

Così era stabilito dalla Notazione Germanica +.

La tradizionale Notazione Germanica infatti stabiliva che tutti i Sostantivi avessero l’ Iniziale Maiuscola. + (plus) introduceva la nuova OBBLIGATORIA regola (oltre a non dirle, se possiamo) di scrivere le parole cattive [parolacce] in minuscolo.

Ma perchè i Tedeschi scrivono i Sostantivi con l’ Iniziale Maiuscola ?

Se lo chiedete a loro probabilmente vi risponderanno che è così per facilitare la lettura, che il poter riconoscere immediatamente una parola come appartenente alla categoria sostantivo aiuta subito a capire quale siano i rapporti nella frase, rendendo il tedesco molto più semplice di altre lingue confuse come, ad esempio, l’inglese.

Si può riconoscere l’utilità della maiuscola e questo è senza dubbio il motivo per cui questa abitudine si sia consolidata fino a diventare regola grammaticale riconosciuta. Regola che tra l’altro è stata difesa nella Riforma Ortografica del 1996 – quando sono stati eliminati molti dubbi ancora esistenti in merito alla scrittura di alcune parole – perché ha sancito che nelle espressioni come “heute Abend” (stasera), Abend è a tutti gli effetti un sostantivo e quindi deve essere scritto con la maiuscola (la regola che infatti tutti conosciamo in confronto al vecchio “heute abend”).

Ma dietro questa consuetudine ci sono precise ragioni filologiche e per scoprirle bisogna andare un bel po’ indietro nel tempo: precisamente a quando Lutero decise di tradurre la Bibbia in tedesco per dare a tutti la possibilità di leggere le Sacre Scritture. Fu lui infatti, trovandosi per la prima volta a riportare in tedesco parole legate alla religione, e non sapendo bene come trattarle ortograficamente, che iniziò a scriverle con la maiuscola, per indicare che si trattasse di concetti sacri verso i quali portare rispetto (qui alcuni esempio raccolti dall’Università di Bielefeld).

Per essere più precisi, queste sono le parole del professore di germanistica Karl-Heinz Göttert, che qualche anno fa ha rilasciato un’intervista per la Welt sulla lingua tedesca moderna. Alla domanda sul perché i nomi comuni vengano scritti maiuscoli risponde:

“È stato Lutero a iniziare. E cioè all’inizio venivano scritti in maiuscolo concetti di particolare importanza, come Dio oppure altri nomi. Poi, nelle diverse edizioni del periodo in cui lui era ancora in vita, emergono sempre più maiuscole. Lutero pensava già che tutti i sostantivi potessero essere scritti con la lettera grande, come facciamo oggi. La leggibilità in questo modo migliora, su questo vige l’unanimità. L’unico problema è che così aumentano le difficoltà nelle regole di ortografia. Molte riforme moderne hanno tentato di abolire questa regola e tornare alla scrittura senza maiuscole tipica del Medioevo. Ma i tentativi sono tutti falliti, anche per proprio a causa della leggibilità che così si perderebbe.”

” Luther hat damit angefangen. Und zwar wurden zunächst Begriffe von besonderem Gewicht groß geschrieben – Gott oder Namen. Und dann kommt in den diversen Auflagen zu Luthers Lebzeiten immer mehr Großschreibung. Luther hat den Gedanken, dass man ja auch die Substantive groß schreiben könnte – wie wir das heute haben. Die Lesbarkeit wird dadurch erhöht, das sagt jeder. Der Nachteil ist, dass wir uns damit die Schwierigkeiten mit der Groß- und Kleinschreibung einhandeln. Alle Reformversuche der Neuzeit wollten eigentlich diese Großschreibung beenden und zur mittelalterlichen Kleinschreibung zurückkehren. Die sind alle gescheitert, auch am Argument der höheren Lesbarkeit. “

Regole Grammaticali – Zanichelli

Aggettivi e participi sostantivi

Nella lingua tedesca i sostantivi si scrivono con l’iniziale maiuscola. Appartengono alla categoria grammaticale dei sostantivi anche molti aggettivi e participi sostantivati che fino a oggi mantenevano invece la minuscola. Etwas besonderes e im allgemeinen diventeranno quindi: etwas Besonderes e im Allgemeinen. È quindi aumentato il numero di vocaboli che, secondo la riforma ortografica tedesca (Deutsche Rechtschreibung Reform, 1996 AUGUST 1.), devono essere scritti con la maiuscola.

Continueremo invece a scrivere con la minuscola le espressioni che non hanno valore di sostantivo, ma di avverbio, come sonntags, mitte; di pronome indefinito o numerale, come ein bisschen, der eine; di preposizione, come angesichts, trotz; o infine di aggettivo unito a sein o werden, come nell’esempio: ich bin schuld daran.

Nelle locuzioni avverbiali composte da aufs e auf das o un superlativo, l’aggettivo può essere scritto sia con l’iniziale maiuscola che minuscola: aufs Schlimmste/schlimmste.

Coppie di aggettivi

Si scrivono con l’iniziale maiuscola quelle coppie di aggettivi non declinati che indicano categorie di persone, come Arm und Reich, mentre rimangono minuscole tutte le altre coppie di aggettivi che non si riferiscono a persone: schön und billig.

Sostantivi

Alcuni sostantivi come Angst, Recht, Pleite, Schuld, Leid, Ernst, che in combinazione con i verbi venivano scritti con la minuscola, mantengono adesso la maiuscola, a meno che non siano in combinazione con sein, bleiben, werden. Rimane minuscolo ernst nehmen.

Annunci